come-programmare-magnetoterapia

Come impostare l’apparecchio per la magnetoterapia?

In molti ci state chiedendo come programmare correttamente l’apparecchio per magnetoterapia per trattare la patologia da curare, senza rischiare di vanificarne l’effetto. Infatti, a meno che non si abbia già esperienza con questo genere di apparecchi, il rischio di buttare all’aria 30 o più giorni di terapia è reale! Una buona regola sarebbe quella di inizare leggendo con attenzione il manuale a corredo della macchina, sperando che almeno questo ci venga in aiuto. Ma come vedremo, purtroppo non sempre la soluzione a questo problema è così a portata di mano. In questa breve guida vedremo come impostare l’apparecchio per la magnetoterapia in base alla patologia da curare, selezionare la giusta frequenza e potenza con il corretto tempo di trattamento.

Scegliere il programma (frequenza del campo magnetico)

Nell’articolo curarsi con la magnetoterapia abbiamo visto come la magnetoterapia consista nell’applicazione di campi magnetici pulsati, ovvero campi magnetici emessi ad una determinata frequenza. Questo parametro è quindi regolabile e va impostato in base al tipo di trattamento da fare. La frequenza è sicuramente un parametro importante, che impostato correttamente entro determinati intervalli, diventa però secondario per un’ottima riuscita della terapia. La tabella che segue riporta le frequenze stabilite dagli ultimi protocolli medici in materia di riabilitazione con i campi magnetici pulsati, per le patologie più comuni.

PatologiaFrequenza
Algodistrofia30 Hz
Artrosi30 Hz
Atrosi spalla30 Hz
Artrosi ginocchio30 Hz
Artrite30 Hz
Artrosi cervicale10 Hz
Atrofie muscolari30 Hz
Cervicalgia20 Hz
Cicatrizzazione12 Hz
Colpo di frusta20 Hz
Condropatia30 Hz
Coxartrosi30 Hz
Crampo muscolare1 Hz
Cuffia dei rotatori73 Hz
Discopatia25 Hz
Dolore cronico10 Hz
Dolori articolari30 Hz
Dolore lombo-sacrale50 Hz
Edema osseo75 Hz
Epicondilite25 Hz
Epitrocleite25 Hz
Fratture25 Hz
Lombalgia50 Hz
Lesione cartillaginea75 Hz
Lesione al legamento75 Hz
Mialgia1 Hz
Neuropatia10 Hz
Osteonecrosi75 Hz
Osteoporosi8 Hz
Periartrite scapolo omerale4 Hz
Protesi titanio75 Hz
Pseudoartrosi75 Hz
Rizartrosi25 Hz
Sindrome da impingement50 Hz
Strappo muscolare1 Hz
Tendinite73 Hz
Trattamento antinfiammatorio75 Hz
Trattamento muscolare30 Hz
Tunnel carpale50 Hz
Tunnel tarsale75 Hz
Ulcere cutanee12 Hz

Regolare la potenza del campo magnetico

Bene, abbiamo impostato il primo parametro, la frequenza. Procediamo ora con la potenza del campo magnetico. Chi ha letto l’articolo su come utilizzare un apparecchio per magnetoterapia ricorderà bene che per non rischiare di vanificare il trattamento la potenza va regolata in base al tipo di applicatore utilizzato e in base alla zona trattata. Funziona più o meno così: più si localizza il trattamento, meno potenza sarà necessaria, ma più la zona da trattare è profonda rispetto all’epidermide e più il campo magnetico dovrà essere ampio per raggiungerla. Allo stesso modo, un arto più grande necessità di un campo magnetico maggiore rispetto ad un arto più piccolo.
Purtroppo, per questo parametro non è possibile avvalersi di una tabella indicativa universale, sia per ragioni di corporatura fisica del paziente, sia per ragioni costruttive dell’applicatore e dell’apparecchio utilizzati. La tabella che segue è stata calibrata su un paziente adulto, alto circa 175 cm e dal peso di circa 75 Kg (corporature più robuste possono necessitare di potenze maggiori soprattutto per il trattamento di zone più profonde) e sugli applicatori in dotazione agli apparecchi per magnetoterapia della marca I-TECH come MAG 2000, MAG 2000 PLUS, LaMagneto Pro etc, ovvero le stesse fornite da noi.

Zona da trattareApplicatore consigliatoPotenza minima consigliata
CervicaleFascia irradiante a 3 solenoidi30 Gauss
CervicaleTappetino 40x4050 Gauss
SpallaCoppia di solenoidi a cuffia60 Gauss
ClavicolaCoppia di solenoidi a cuffia60 Gauss
OmeroFascia irradiante a 3 solenoidi60 Gauss
OmeroCoppia di solenoidi a cuffia50 Gauss
GomitoFascia irradiante a 3 solenoidi50 Gauss
Ulna e radioFascia irradiante a 3 solenoidi50 Gauss
Ulna e radioCoppia di solenoidi a cuffia50 Gauss
PolsoFascia irradiante a 3 solenoidi40 Gauss
PolsoCoppia di solenoidi a cuffia40 Gauss
ManoFascia irradiante a 3 solenoidi40 Gauss
Dita della manoFascia irradiante a 3 solenoidi40 Gauss
Colonna vertebrale e vertebreTappetino 40x40100 Gauss
Colonna vertebrale e vertebreMaterassino irradiante> 100 Gauss
Zona lombareTappetino 40x4080 Gauss
Zona lombareMaterassino irradiante>100 Gauss
Anca, bacino e testa del femoreTappetino 40x40100 Gauss
Anca, bacino e testa del femoreMaterassino irradiante>100 Gauss
FemoreFascia irradiante a 3 solenoidi120 Gauss
FemoreCoppia di solenoidi a cuffia100 Gauss
GinocchioFascia irradiante a 3 solenoidi60 Gauss
GinocchioCoppia di solenoidi a cuffia50 Gauss
Tibia, perone e cavigliaFascia irradiante a 3 solenoidi60 Gauss
Tibia, perone e cavigliaCoppia di solenoidi a cuffia40 Gauss
MalleoloFascia irradiante a 3 solenoidi40 Gauss
MalleoloCoppia di solenoidi a cuffia30 Gauss
PiedeFascia irradiante a 3 solenoidi70 Gauss
TalloneFascia irradiante a 3 solenoidi50 Gauss
PiedeCoppia di solenoidi a cuffia50 Gauss
AlluceFascia irradiante a 3 solenoidi50 Gauss
Altre dita del piedeFascia irradiante a 3 solenoidi30 Gauss

Impostare il tempo del trattamento

A questo punto non rimane che impostare la durata del trattamento. Negli apparecchi per magnetoterapia più moderni, come quelli della marca I-TECH, Globus o Sixtus questo parametro è impostabile tramite un comodo timer che permette all’apparecchio di spegnersi in autonomia una volta terminato il countdown. E’ una funzione molto comoda, soprattutto a chi fa lunghi trattamenti notturni. Anche se la magnetoterapia non ha controindicazioni per sovradosaggio, è bene che si faccia nei tempi corretti. A tal proposito è bene sapere che nella maggior parte dei casi (le patologie esposte nella tabella precedente non fanno eccezione) è sempre consigliato fare sedute mai inferiori a 2 ore continuative, che possono però diventare di 6 o 8, ed oltre le quali i tessuti corporei non trarranno ulteriore beneficio dalla terapia. I protocolli di riabilitazione inoltre, consigliano un solo trattamento giornaliero, ogni 24 ore.

11 pensieri su “Come impostare l’apparecchio per la magnetoterapia?

  1. PERRIER-LATOUR dice:

    Buongiorno, mio padre ha il cancro della gola e ha gangli che gli fanno abbastanza male, ha difficoltà a parlare. Lo tratto con la magnetoterapia per alleggerirlo se sì è la frequenza di cui ha bisogno e il numero di Gauss adatti a lui. Grazie, aspetto la tua risposta il prima possibile

    • Daniele dice:

      Buongiorno, io le consiglio di sospendere quanto prima il trattamento e di rivolgersi ad un medico specialista. La magnetoterapia è sconsigliata in caso di processi tumorali in corso. Cordiali Saluti

  2. Salvatore Bova dice:

    Buonasera. Dovrei fare magnetoterapia per la necrosi della testa del femore a seguito di frattura della testa stessa. Che frequenza e Potenza consigliate? Ho letto 75 hz con 100 gauss mentre l’itech consiglia 50hz e 50 gauss. Meglio utilizzare i due solenoide o il materassino? Vi ringrazio

    • Daniele dice:

      Buongiorno, purtroppo la testa del femore è una delle zone più scomode da trattare in quanto particolarmente profonda. Potendo scegliere consiglierei di fare il trattamento sicuramente con la coppia di solenoidi, sono più grandi di quelli utilizzati nel tappetino e le consentono di fare una terapia localizzata, quindi decisamente efficace. Può impostare la macchina a 75Hz, 100 Gauss. Cordiali Saluti

  3. ANNA CATERINA dice:

    Salve. Potete indicarmi le impostazione di una MAG 2000 per una contusione ossea tibiale? Dopo due mesi dal trauma l’ematoma ancora è presente, Grazie

    • Daniele dice:

      Buongiorno e scusi per il ritardo nella risposta. Può utilizzare la macchina a 20Hz e non meno di 40 Gauss. Cordiali Saluti

  4. Paride dice:

    Salve ho un distacco dell’apice del malleolo peroneale che frequenza e potenza mi consigliate? E la durata giornaliera di quante ore può essere(vorrei tenerlo il più possibile per avere un recupero migliore quindi volevo sapere e quante ore massime potevo fare per avere il massimo dell’efficacia) ? Grazie in anticipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vemrent-magnetoterapia

 

 


Gentili utenti,

vogliamo ringraziarvi per il forte riscontro che ci state dando. Sapere che il nostro lavoro aiuta i nostri clienti a vivere e a stare meglio, è per noi la più grande delle soddisfazioni. In molti ci scrivete ogni giorno, sia per chiedere informazioni sia ringraziandoci per la nostra disponibilità e professionalità. Vogliamo farvi sapere che questo piccolo traguardo ci motiva a fare sempre di più, e sempre in meglio.

Buona continuazione

Il Team di Vemrent

Per offrirti il miglior servizio possibile Vemrent utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies